Archivio per Giugno, 2010

IL DENARO DELLA MAFIA CINESE RICICLATO ANCHE A SAN MARINO

Maxi operazione GdF contro criminalità cinese, arresti e sequestri in Italia. Oltre 2,7 mld riciclati dal 2006 (leggi…)


IN RICORDO DI FRANCO PIERGENTILI, SCOMPARSO IL 23 GIUGNO

 Senza retorica, ci mancherai, con la tua passione per la buona politica e per le cose vere della vita (leggi…)


PIU’ DROGA CHE ‘UN HAPPY HOUR’, IL LIBRO DI ANDREA INDINI

Lo sballo dei figli di papà nella Milano dei nostri giorni. E sullo sfondo l’ombra della ‘ndrangheta (leggi…)


LEGGE BAVAGLIO, LETTERA A NAPOLITANO: “NON FIRMARE”

“Migliaia di italiani saranno costretti a violare la legge per difendere la Costituzione”

Caro Presidente Napolitano, Le scriviamo come a un amico, l’amico che custodisce il bene più prezioso della nostra società: “La Costituzione”. Le scriviamo con un misto di speranza e sconcerto. Perché ogni giorno che passa diventa sempre più difficile, e le assicuro non solo per noi, capire cosa stia succedendo in questo nostro Paese.

Lei continua a mandare messaggi di ottimismo agli italiani ogni qual volta prende la parola pubblicamente, ma forse non sa che per la grande maggioranza di noi l’ottimismo è un lusso. Siamo tutti troppo impegnati a sopravvivere per essere ottimisti. Troppo confusi e spaventati per avere speranza. Vediamo giorno dopo giorno liquefarsi il patto sociale che ha tenuto in piedi questo Paese per 65 anni, quello sancito nell’articolo 1. Non è colpa sua, Presidente, ma ormai da anni, se non decenni, il lavoro è uscito dal racconto sociale. Il lavoro, paradigma centrale nel Novecento, da valore e fondamento del contratto democratico è diventato elemento accessorio. Un surplus. Sia sul piano culturale che su quello materiale. Quando la disoccupazione a livello generale supera il 10% e per i giovani il 30%, non è in pericolo solo la stabilità economica e sociale di una Paese, è in pericolo la democrazia.
Quando poi oltre a questo dato incontestabile si aggiungono altre pericolosissime e ormai quotidiane aggressioni a diritti fondamentali dei cittadini sanciti dalla Carta costituzionali, lo sconcerto si trasforma in allarme, tensione e purtroppo conflitto. Equità sociale, trasparenza assoluta della pubblica amministrazione, legge uguale per tutti, questione morale e lotta alla corruzione, diritto di espressione e diritto di essere informati, contrappesi fra i poteri dello Stato, indipendenza della magistratura: è evidente a tutti i cittadini che in questo Paese alcuni poteri intendono mettere pesantemente mano su questi nodi irrinunciabili del patto di cittadinanza. Come è sempre più evidente che parallelamente si sta procedendo, attraverso un numero spropositato di decreti e leggi ordinarie, alla riscrittura de facto della Costituzione andando perfino a toccare l’unità dello Stato.
Siamo perfettamente consapevoli che i suoi poteri sono molto limitati e di come sia difficile per lei, oggi, contrapporsi a questo attacco concentrico contro la Costituzione. Ma so anche che in politica la parola pesa, e che la sua potrebbe essere determinante a modificare un andamento che sembra voler archiviare la democrazia parlamentare nata dalla Resistenza e dalla Costituente del primo dopo guerra. La sua parola, il suo giudizio, suoi eventuali messaggi alle Camere, potrebbero avere un potere politico sostanziale ben più efficace di rimandare ogni tanto quei testi più grossolanamente anticostituzionali come le è capitato di fare in questi anni.
Lo sappiamo che per fare questo, per uscire allo scoperto oltre alla ritualità a cui, per legge, è vincolato, è necessario che ci sia un pericolo per la democrazia e la tenuta dello Stato. Ma, caro Presidente, è proprio di questo di cui sto parlando. Ormai c’è un divario enorme fra legalità e giustizia, fra norma e democrazia. Ci sono interi settori del Paese che si troveranno costretti, per necessità e per scelta, a violare alcune delle leggi che sono nate ultimamente e stanno vedendo luce in queste settimane. Le faccio due esempi, quello dell’obbligo di denuncia da parte dei medici in caso si ritrovino a curare dei migranti clandestini e poi quello che spingerà molti di noi, cittadini e operatori dell’informazione, a violare molti dei vincoli imposti alla stampa nel Ddl intercettazioni in discussione in queste ore.
Caro Presidente, ci saranno persone che violeranno e in parte già violano norme approvate dall’attuale coalizione di maggioranza. Se questo non è un allarme per la tenuta della nostra democrazia, cos’altro è?
Quando le leggi contrastano così palesemente con il patto costituzionale e i diritti fondamentali sanciti da ogni democrazia matura - come dovrebbe ed è stata finora la nostra - il pericolo è davvero troppo. Centinaia di migliaia di giovani, ricercatori, scienziati e professionisti hanno già preso la via dell’emigrazione verso altri Paesi. Una migrazione di massa della parte più importante della nostra società. Altre migliaia di persone civilmente violeranno sistematicamente le leggi più inique approvate nella nostra storia repubblicana. Violare le leggi per garantire la giustizia, per difendere il Paese e la sua democrazia costituzionale: è questo il paradosso a cui stiamo per assistere.
Per questo la invito a dare un segnale autorevole e inequivocabile in difesa di questo Paese e di questa democrazia. Finché si è ancora in tempo, prima che di questa nostra Italia non rimangano solo macerie. Facendo tutto quello che può grazie alla sua esperienza e all’autorevole ruolo che ricopre grazie alla sua carica. Parli a questo Paese ed eserciti il suo diritto di critica.
Un caro saluto

Il mio commento è: “Caro Presidente Napolitano, Ti ricordi quando ti chiamavano ‘migliorista’? Quale migliore occasione per esserlo oggi? Non ti diciamo noi quel che devi fare, noi ti chiediamo di dare un senso alla parola migliorista, che viene da migliorare, meglio cambiare, meglio non promulgare leggi ingiuste. La legge cosiddetta ‘bavaglio’ è insopportabile alla metà degli italiani che ufficialmente non hanno votato Berlusconi, ma è indigesta anche a tanti parlamentari della maggioranza ai quali Berlusconi ha imposto di votare al Senato e poi alla Camera questa schifezza di legge liberticida per la quale le mafie ringraziano. Non firmarla. Dai una lezione di democrazia e di rispetto della Costituzione a questi arroganti che la Costituzione la mettono tutti i giorni sotto i piedi. Non firmarla, liberati anche Tu dall’eccesso di atteggiamento compassato che la carica istituzionale ti suggerisce, ma non ti impone. Liberati, e libera anche noi da questa tormentata e incivile vicenda. Ti chiediamo di farlo per le nuove generazioni alle quali periodicamente ti appelli. Per questa volta fai il Presidente di un Paese normale e non di un Paese rispetto al quale le cosiddette democrazie sudamericane rischiano di essere più garantiste dell’Italia, oggi, oggi che questo Governo e questa maggioranza l’hanno ridotto così. Mettiamo un argine alla deriva antidemocratica e populista, una deriva che altrimenti sarà sempre più difficile arginare”. Orfeo Notaristefano, cittadino italiano, non suddito.

Canalizziamo le adesioni sul sito www.gliitaliani.it


A PALERMO CONTINUARE A COLPIRE MAFIA DEGLI APPALTI, BENE I 19 ARRESTI

Lumia: interessi colossali nei rifiuti e nelle opere pubbliche, spezzare intreccio con pezzi della politica (leggi…)