P.ZA NAVONA, SAB.16 MAG ORE 18 R. ALAGNA

“La politica è una cosa troppo seria per lasciarla ai partiti”

Presentazione ufficiale a Roma in Piazza Navona durante la Manifestazione culturale “LIBRI IN FESTA”, sabato 16 maggio alle ore 18.00

Vi presentiamo il libro - edito da Castelvecchi - “La politica è una cosa troppo seria per lasciarla ai partiti” di Roberto Alagna. 

 
CASTELVECCHI  -  MAGGIO 2009
 
Roberto Alagna
 
La politica è una cosa troppo seria per lasciarla ai partiti
 
Collana Tazebao
pp. 150 circa
Euro 12,00


Se nel 2006 avesse accettato di correre insieme ad una Lista Civica Nazionale forse l’Unione avrebbe ottenuto una vittoria ben più larga. Forse avrebbe avuto non 2, ma 18 senatori in più del centrodestra. Forse il governo Prodi sarebbe durato molto più a lungo dei suoi due anni scarsi. C’era la storia recente delle elezioni amministrative nelle città e nelle Regioni italiane a testimoniarlo chiaramente: le liste civiche portano i voti di chi non crede più ai partiti, e li rubano all’astensionismo. Ma qualcuno, nel centrosinistra, non volle sentir ragioni. Roberto Alagna, uno dei maggiori artefici dell’irruzione della società civile nella politica italiana dal 2001 in poi, racconta l’entusiasmante e accidentato percorso dei “civici d’assalto” nell’Italia al tempo di Berlusconi.
Questo libro si dispiega come una sorta di diario di bordo della traversata politica di Alagna, dall’esperienza nel Consiglio comunale di Roma al naufragio del progetto della Lista Civica Nazionale alle elezioni del 2006, passando per l’accordo mancato con Di Pietro e gli scontri continui con i professionisti della politica, la diffidenza di Veltroni e il saldo legame con Illy. E spiega perché il contributo della società civile possa essere ancora molto utile a chi dovrà governare il Paese che verrà.
 
«Ero un cittadino prestato alla politica, ero completamente estraneo alle logiche di partito, cercavo di tutelare esclusivamente gli interessi dei cittadini che amministravo ed ero insofferente verso quei consolidati riti e meccanismi della politica tradizionale.
Ero un civico ma non sapevo di esserlo, e solo molto più tardi ne divenni consapevole».
 
Roberto Alagna (Roma, 1959) inizia il suo impegno politico come presidente della II Circoscrizione del Comune di Roma. Nel 2001 è eletto consigliere comunale nella “Lista Civica Roma per Veltroni”. Conduce con successo la battaglia per l’istituzione del difensore civico di Roma e successivamente diventa consigliere regionale del Lazio fondando la “Lista Civica Piero Marrazzo”. È stato il promotore della Rete delle liste civiche italiane della quale attualmente è il coordinatore nazionale.

Etichette:


Lasciate un commento