PM CALTANISSETTA, “VERITA’ SU VIA D’AMELIO A UN PASSO”

 Lumia, su stragi Commissione Parlamentare Antimafia rompa gli indugi - 21 luglio, 08:09 - (ansa) PALERMO - La verità sulla strage di via D’Amelio è vicina. Anzi, è a un passo. A 18 anni dall’assassinio del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta, i magistrati di Caltanissetta non hanno dubbi. Nonostante i depistaggi, le “amnesie” istituzionali, le false prove e i falsi pentiti, le indagini sono prossime a una svolta. Terribile e clamorosa. “Il fatto - si chiede l’aggiunto Nico Gozzo, ascoltato a lungo, ieri, dalla commissione nazionale Antimafia assieme al procuratore Sergio Lari - è se c’é una politica in grado di raccogliere questa verità”. Credono nelle capacità dello Stato, invece, i pm. E in quelle della magistratura, costretta a riscrivere una storia processuale che il suggello della Cassazione aveva reso definitiva. Delle “clamorose sviste investigative”, costate undici ergastoli a imputati probabilmente innocenti, è tornato a parlare Lari, che si appresta a inviare alla Procura generale il materiale per chiedere la revisione del processo agli esecutori materiali della strage. Un processo mandato in frantumi dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza che ha smontato la vacillante ricostruzione di Vincenzo Scarantino, pentito dalle alterne vicende che, secondo gli inquirenti, potrebbe essere uno dei tasselli del clamoroso depistaggio.

E al capitolo Spatuzza, a cui la speciale commissione del Viminale, il mese scorso, ha negato la concessione del programma di protezione, è molto interessata l’Antimafia che ha chiesto alle procure di Palermo e Caltanissetta tutta la documentazione in loro possesso sul collaboratore di giustizia. Sull’ex boss di Brancaccio, che sta facendo dichiarazioni anche su altri capitolo oscuri della stagione stragista di Cosa nostra, a partire dal fallito attentato dell’Addaura, la commissione Antimafia ha interpellato anche i magistrati di Palermo sentiti, prima dei colleghi nisseni, per oltre sette ore. L’audizione dei magistrati di Caltanissetta è stata secretata. E top secret è anche quello che il procuratore di Palermo Francesco Messineo e gli aggiunti Antonio Ingroia e Ignazio De Francisci hanno raccontato sulla trattativa tra lo Stato e la mafia. Un argomento che attraversa le inchieste palermitane e quelle nissene, se è vero, come sostengono gli inquirenti, che Paolo Borsellino venne eliminato perché aveva scoperto e detto no al patto tra le istituzioni e Cosa nostra. Una tesi che conferma quello che i magistrati ormai ritengono un dato certo: che dietro l’eccidio di via D’Amelio non ci furono solo le cosche. Lo ha ripetuto, ieri, Lari tornando a ribadire le responsabilità dei soggetti istituzionali “infedeli”, che hanno tradito. Un argomento a cui ha fatto cenno anche Messineo secondo il quale la “verità sulle stragi passa dagli apparati dello Stato”. Anche se il presidente dell’Antimafia, Giuseppe Pisanu, dopo aver ribadito che “non si può riferire alcunché dello svolgimento dei lavori della Commissione in seduta segreta”, ha negato “decisamente” il contenuto delle dichiarazioni rilasciate poco prima dai magistrati ai giornalisti. Scenari “terribili” quelli emersi dalle inchieste di Caltanissetta, quanto inquietanti sono quelli che i pm di Palermo hanno dipinto sullo stato di Cosa nostra, indebolita dagli arresti, ma ancora in grado di controllare il territorio attraverso l’imposizione del pizzo, condizionare gli appalti pubblici e disporre di arsenali. Una mafia che ha rinunciato all’attacco diretto allo Stato, perché impegnata soprattutto nel fare affari e reinvestire i capitali.

LUMIA, SU STRAGI LA COMMMISSIONE ANTIMAFIA ROMPA GLI INDUGI lug 18th, 2010

I tempi sono ormai maturi. Alla luce dei risvolti investigativi di questi ultimi tempi sulle stragi di mafia, la Commissione antimafia rompa gli indugi e osi di più. Da domani audiremo le procure che stanno indagando. È un’occasione preziosa per aprire quelle porte della verità che fino ad adesso sono state socchiuse. La Commissione, quindi, usi i suoi poteri d’inchiesta, chieda di accedere agli archivi dei servizi segreti e di togliere il segreto di stato ai documenti.

È chiaro che Paolo Borsellino e gli uomini della scorta furono colpiti nel pieno della trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. È necessario, quindi, affondare il colpo sul versante penale e, contemporanemente, puntare ad individuare le responsabilità politiche e istituzionali. Non bisogna guardare in faccia nessuno, essere pronti anche alle più terribili verità: qual è stato il ruolo dei servizi segreti? Di quali coperture istituzionale hanno goduto? Cosa ruotava attorno al centro di ricerca con sede a Monte Pellegrino? Perché fu fatta sparire l’agenda rossa di Paolo Borsellino? Quali le ragioni del depistaggio partito dalle false testimonianze di Scarantino? E’ arrivato il momento di aprire il capitolo trattativa con un taglio non solo penale, per scoprire le responsabilità di coloro che seppero e coprirono una devastante escalation politico-mafiosa senza precedenti.

 

Etichette:


Lasciate un commento