FNOMCEO E FARMINDUSTRIA INSIEME. SUA MAESTÀ LA TRASPARENZA

Ecco che cosa è il disclosure code. Entrerà in vigore il 30 giugno 2016da fnomceo.it

Dal 30 giugno 2016 entrerà in vigore il disclosure code, Codice di trasparenza dell’Efpia (la Federazione europea delle Associazioni e delle industrie farmaceutiche). Il Codice prevede che dal 30 giugno tutte le imprese del farmaco pubblichino i dati relativi ai rapporti intercorrenti con i medici e le loro organizzazioni, nonché con le società scientifiche.

Oggi c’è stata la presentazione a Roma dell’intesa tra FNOMCeO e Farmindustria, alla presenza del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nella sede del Ministero. Un passo avanti significativo verso la Trasparenza delle informazioni sui farmaci.

“La trasparenza è l’arma numero uno contro l’opacità e l’eventuale agire distorsivo nella Pubblica amministrazione. In questa intesa tra FNOMCeO e Farmindustria, è importante coinvolgere anche le associazioni di cittadini e pazienti” - ha sostenuto Beatrice Lorenzin.

L’importanza di questa collaborazione traFNOMCeO e Farmindustria è stata sottolineata dal Presidente degli industriali del farmaco Massimo Scaccabarozzi: “E’ una collaborazione bilaterale strategica per il contributo che i medici daranno allo sviluppo della ricerca. Questo è un importante passo in avanti, ma già da tempo erano trasparenti i nostri rapporti con la classe medica e con le società scientifiche”. Scaccabarozzi ha confermato la data del 30 giugno per la pubblicazione dei dati e ha precisato: “Nel percorso che ci ha portati qui oggi, abbiamo riscontrato che già il settanta per cento dei medici ha dato il proprio consenso. E’ un grande risultato, ma si può ottenere molto di più con una buona informazione”.

In rappresentanza della FNOMCeO, è intervenuto il responsabile dell’Area comunicazione e Presidente OMCeO di Taranto Cosimo Nume, che ha ribadito “la particolare importanza dell’intesa, che è un punto di arrivo. Da parte della FNOMCeO ci sarà il massimo contributo che proseguirà nel futuro e darà buoni risultati. Noi saremo soddisfatti - ha aggiunto Nume - quando raggiungeremo cento per cento delle adesioni. D’altra parte, la FNOMCeO si impegnerà a convincere i medici a rispettare ciò che da anni è previsto nel nostro Codice di deontologia medica. Come anche continueremo nell’azione di coinvolgimento delle associazioni perché in questa vicenda ci sono tre attori protagonisti: le Aziende, i medici, i cittadini”.

Il Codice EFPIA sulla trasparenza interessa 30 Paesi tra cui l’Italia, dove la collaborazione tra medici e industria è stata molto proficua negli anni, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti, dall’allungamento della vita media al fatto che si vive di più e meglio. Oggi molte patologie sono curabili e guaribili: alcuni tipi di tumori, l’HIV e l’epatite C, patologia che nei prossimi anni, grazie ai nuovi farmaci, potrà essere sconfitta nel novanta per cento dei pazienti. L’interscambio tra imprese e medici ha contribuito allo sviluppo di numerosi farmaci innovativi: sono settemila i farmaci in studio a livello internazionale, grazie alla ricerca open innovation con un network molto ampio che genera innovazione.

Disclosure code prevede la pubblicazione di dati nel rispetto della normativa italiana sulla privacy: riguarderanno i singoli professionisti che hanno firmato il consenso e, in forma aggregata, tutti gli altri.

Ricerca e sviluppo, consulenze scientifiche, seminari e convegni scientifici, supporto ai congressi e corsi ECM: questi sono gli ambiti in cui si svilupperà la collaborazione tra imprese del farmaco e medici. Questi rapporti sono sottoposti a controlli rigorosi da parte di organismi terzi, presieduti da magistrati indicati dal Presidente della Corte di Cassazione. E comunque nel rispetto delle regole deontologiche di Farmindustria.

16-06-2016

Orfeo Notaristefano


Lasciate un commento