Calabria. I ritorni. I nostri viaggi verso sud

“Calabria. I ritorni. I nostri viaggi verso sud”. Racconti (Ponte Sisto)
di Orfeo Notaristefano. Prefazioni di Angela Napoli e Mario Pirillo

Con nuovi occhi, un nuovo senso a questa storia. Questo non è un saggio, è un libro di racconti. La storia personale che si incrocia con quella di altre persone; di una regione, la Calabria; di un Paese, l’Italia; di un Continente, l’Europa.
L’Amore, l’Amicizia, l’Antimafia. E c’è una quarta A maiuscola non svelata. Una vita di corsa, i nostri continui viaggi verso Sud, i miei e quelli dei miei amici, a volte insieme, il più delle volte da soli.
La Salerno-Reggio Calabria. Le strade statali 18 e 106, i luoghi, i territori, le città, i paesi, le persone, le cose. Mentre la vita scorre, cerchiamo di rimanere ancorati al presente e di dargli un senso, visto che un senso il passato già lo ha avuto e al futuro non glielo possiamo dare, perché non lo conosciamo. Applichiamo la cultura dell’impegno al tempo presente, qui e ora. Il nostro partire è sempre per ritornare, pensando agli anelli mancanti, alle persone che non ci sono più, alle cose fatte e a quelle da fare. Incantati davanti a un tramonto sul Tirreno cosentino, continuiamo ad essere ottimisti perché il sole sorgerà ancora. Pensiamo alla malinconia del Gattopardo per dare umanità alle persone che ci stanno a cuore. E in testa abbiamo una frase formidabile di John Donne: “Ogni morte d’uomo mi diminuisce, perché partecipo all’umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la campana: essa suona anche per te”.

Realizzazione e stampa
Ponte Sisto - Roma
tel. 066868444 - fax 0668801707
www.lg.roma.it - psedizioni@gmail.com

INDICE

- L’Amore, i luoghi, gli anni dell’impegno

- Si, viaggiare. I forzati dell’A3, Salerno-Reggio C.

- SS. 18 e SS. 106

- I treni, gli aerei e la sosta a Lamezia Terme

- Il nostro partire e’ sempre per ritornare

- Gli anelli mancanti

- Con nuovi occhi, un nuovo senso a questa storia

DEDICHE E PENSIERI
Hai delle isole negli occhi
“Io non mento non importa cosa dicono
nel silenzio guardo le anime che passano
e di queste anime tu sei la più speciale
perché sorridi anche inseguita dal dolore
e ti a-m-o
anche se soffri e poi pretendi non si veda
quando vorresti che il sorriso tuo invertisse
la controregola che regola le masse
e tu mi a-m-i
dici che esistono solo persone buone
quelle cattive sono solamente sole…
…e forse è così
hai delle isole negli occhi
e il dolore più profondo
riposa almeno un’ora solo se ti incontro
e ti a-m-o e con le mani dico quello che non so e tu mi a-m-i
trama sintetica di una giornata storica
hai delle isole negli occhi
e il dolore più profondo
riposa almeno un’ora solo se ti incontro”.
(Tiziano Ferro, L’Amore è una cosa semplice, novembre 2011)

“A che serve avere le mani pulite, se si tengono in tasca”. “L’obbedienza non è più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni”.
(Don Lorenzo Milani - Firenze 1923-1967)

“No, non fa male credere, fa molto male credere male”
(Giorgio Gaber - Milano 1939-2003)

“Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce”
(Lao Tzu, filosofo cinese, 500 A.C.)